Spaghetti al sugo di pomodoro, ricetta Italiana semplice.

Gli spaghetti al pomodoro sono il primo piatto Italiano per eccellenza, famosi in tutto il mondo per il gusto inconfondibile conferito proprio dalla semplicità dei pochi ingredienti che lo compongono, fondamentalmente pomodori e spaghetti. La ricetta della pasta al pomodoro è rivolta a tutti, ad amatori e casalinghe, oppure semplicemente a chi desidera preparare in casa propria gli spaghetti al pomodoro per la prima volta nella sua vita. Insomma si tratta di un piatto estremamente semplice, non per chef professionisti della ristorazione ma piuttosto, alla portata di tutti preparando, infatti, gli spaghetti con ingredienti reperibili solitamente nella propria cucina o comunque in qualsiasi supermercato italiano sotto casa. In ogni caso, cucinare un buon piatto di spaghetti al sugo di pomodoro non è così semplice e scontato come mangiarli, specialmente per chi non vive in Italia e non conosce le tradizioni gastronomiche del bel Paese.
Piatto di spaghetti
Si vuole spiegare appunto come preparare una perfetta passata di pomodoro profumata e leggera, ed infine come cuocere gli spaghetti al giusto punto di cottura senza scuocere gli stessi, quindi andando a scolare la pasta all'italiana, ovvero al dente. Seguendo i vari trucchi e consigli che scoprirai in questa ricetta, potrai gustare l'originale piatto di pasta al pomodoro con il sapore mediterraneo dei veri spaghetti al pomodoro italiani.

Come nascono gli spaghetti al pomodoro?

Gli spaghetti intesi come pasta da cuocere in acqua bollente, erano già diffusi in Italia qualche secolo prima del 1837,
Foto Chef Ippolito Cavalcanti
anno in cui Ippolito Cavalcanti cuoco e autore del trattato "Cucina teorico pratica", decise di condire un piatto di spaghetti, allora chiamati "Vermicelli", con salsa di pomodoro. Questa ricetta "Vermicelli al Pomodoro" era compresa insieme ad altre all'interno del trattato, dove spicca la cucina moderna napoletana di allora.
  • Parmigiana di melanzane
  • Panzerotto o pizza fritta
  • Vermicelli con le vongole
  • Vermicelli con il pomodoro (Spaghetti)
  • Baccalà fritto
  • Pasta e fagioli
  • Pasta e piselli
  • Minestra maritata
La salsa di pomodoro era stata inventata in Italia, ancora prima degli spaghetti nel 1762 da Lazzaro Spallanzani, un biologo italiano nato a Reggio Emilia il 12 gennaio 1729.
Foto di Lazzaro Spallanzani
Attraverso i suoi studi, scoprì che ponendo all'interno di barattoli chiusi ermeticamente dei pomodori precedentemente bolliti, questi ultimi venivano conservati più a lungo e senza perdere il loro gusto naturale. Grazie a questa scoperta è stato possibile creare la famosa passata di pomodoro tanto utilizzata in Italia. Oggi la passata di pomodoro italiana è famosa e diffusa in tutto il mondo, anche grazie al tipico piatto di spaghetti al sugo, tanto amato in Italia e nel mondo.

Ingredienti per 2 persone

  • 200 g di spaghetti
  • 400 g di passata ovvero un barattolo
  • 50 g di cipolle tritate (anche surgelate)
  • Parmigiano Reggiano grattugiato
  • Olio Extra vergine
  • Basilico
  • Un pizzico di sale

La pasta al pomodoro, la preparazione.

Per cominciare la preparazione del nostro piatto di spaghetti al sugo di pomodoro è molto importante disporre in cucina di ciò che servirà per la cottura del sugo e, naturalmente, di spaghetti adatti a questo piatto. Per i classici spaghetti all'italiana, normalmente si utilizza la misura del 5, essi tengono meglio la cottura e al palato sono più consistenti.
Pomodoro Italiano
Fondamentale la passata di pomodoro deve contenere sul barattolo un indicazione come questa "Pomodoro da produzione certificata 100% Italiano". Solo utilizzando passate di produzione italiana il sugo risulterà con quella dolcezza tipica del pomodoro fresco.

Dopo questa lunga premessa sugli ingredienti, sappiate che per realizzare gli spaghetti al sugo sono sufficienti circa 15 minuti. Prendete una padella wak, ovvero con il bordo alto il quale servirà per spadellare o mescolare gli spaghetti insieme al condimento.
Padella con soffritto di cipolla
Cominciamo con il soffritto versando due giri di olio extravergine sul fondo della padella. Quando l'olio è ben caldo, versare la cipolla surgelata a cubetti e soffriggere per poco fino a quando inizia a dorare e profumare. Nota importante, non bruciate mai la cipolla durante la preparazione del soffritto, perché il sugo sarà amaro. Con la fiamma del gas medio bassa, versare la passata o la polpa di pomodoro, aggiungere un pizzico di sale e mescolare per qualche secondo il pomodoro con il soffritto. Se si dispone di un coperchio, potete coprire parzialmente la padella wak per aiutare la cottura del sugo e mantenere i sapori.
Nel frattempo mettete la pentola con l'acqua sul fuoco, salate subito con sale grosso e pesate 200 g di spaghetti numero 5, riponendoli a parte in attesa che l'acqua arrivi ad ebollizione. A questo punto, il sugo non deve essere cucinato troppo a lungo e va utilizzata una fiamma di media intensità facendo bollire delicatamente mescolando di tanto in tanto per circa 10 minuti al massimo, così da ottenere un sugo di pomodoro dolce e delicato. La passata in barattolo è stata già bollita dalla casa produttrice, pertanto non servirà una lunga cottura come per i ragù di carne. In linea di massima, il trucco è spegnere il gas quando il vostro sugo comincia a profumare di pomodoro, in questo caso spegnete la fiamma e terminate la cottura degli spaghetti lasciandoli al dente.
Spaghetti italiani
Potete scolare o togliere gli spaghetti dalla pentola per passarli nella padella dove saranno mescolati al sugo di pomodoro. Dovete asciugare eventuale acqua di cottura con l'aiuto della fiamma medio alta del gas, se avete dimestichezza, saltare nella padella gli spaghetti con il sugo, questa prassi è la migliore per ottenere uno spaghetto ben amalgamato al suo condimento, lo si vede perché risultano ben rossi e compatti e non presentano acqua sul fondo della padella. In caso gli spaghetti risultassero troppo asciutti, oppure per donare un tocco mediterraneo, aggiungete olio extravergine a crudo prima di impiattare. Naturalmente abbondante con Grana Padano grattugiato!

Commenti