Poesie di Raffaello Baldini

Piccola raccolta di poesie dello scrittore e poeta Raffaello Baldini, nato a Santarcangelo di Romagna il 24 novembre 1924 morto a Milano, 28 marzo 2005

E´ nòn

Te cafè? da fè chè? a stagh mèi ma chèsa, a zugh sa cal burdèli, i zugh ch´ò imparè mai! E u m pis da pérd.

Il nonno

Al caffè? da far che? sto meglio a casa, gioco con quelle bambine, i giochi che ho imparato mai! E mi piace perdere. Come, muori tutti i giorni Come, muori tutti i giorni, va’ a cagare, va’ là, morirai tu tutti i giorni, io, che sono più vecchio di te, ma non ci penso mai, non ci pensa nessuno, dài, su, se fosse come dici tu, ci sarebbe da diventare matti, poi io, tu di’ quello che vuoi, mi sento giovane dentro, son giovane di spirito, io, il mondo, ma anche tu, guarda il mondo, altro che morire, svegliarsi tutte le mattine, che pare niente, ma pensaci, non è una festa? tutte le mattine avanti fino a sera, e vuoi morire, tu? lascia che muoiano gli altri, che poi muoiono sempre gli altri, ci hai fatto caso? e Molari, poveretto, è morto davvero, lui sabato ha tirato giù la serranda, con tutti i suoi soldi, che se li è goduti porca puttana, se n’è cavate di voglie, e beh, i soldi, ragazzi, però adesso lui è morto e io sono qui al Caffè Roma che mi bevo un bel vinello al selz.

Basta!

E pu basta, a m so stòff, l´è tòtt i dè cumpàgn, u n s nu n pò piò. A m vì fè crèss i bafi! Mo acsè... Mo acsè, dal vòlti, quant a tòurn a chèsa, la saìra, préima d´infilé la cèva, a sòun, drin, drin, u n´arspònd mai niseun. Basta! E poi basta, mi sono stufato, è tutti i giorni uguale, non se ne può più. Mi voglio far crescere i baffi! Ma così.... Ma così, delle volte, quando torno a casa, La sera, prima d´infilare la chiave, suono, drin, drin non risponde mai nessuno.

Em bycicleta

strisòun, Traguardo, zà, admèng i córr, ch´ ´l´ènch´ ´na bèla chéursa, sò ma Mountbèl, zò tla Marèccia, e´ Pózz, zò tl´Éus, i Zéss, sò ma la Curnacèra, Savgnèn, da ´lè tótt drétt, pu la vuléda sòtta e´ Cuméun, e mè ma la finestra, a guèrd da què, ch´u s vaid piò bén, a guèrd sémpra da què, però dal vólti, ècco, u m pisarébb ènca d´ès alazò, tramèz´ cla baraònda, sal machini ch´al sòuna, al guèrdi al córr, i aréiva, indrí! sté indrí! cmand, fés-ci, fé al spatàsi, a i sémm, i è què, nómar, culéur, bandiri, slunghè e´ còl, viva, viva, spumènt, rógg, bat al mèni, tnàila da qualcadéun, scumètt che st´èlta vólta e´ vinzarà.

In bicicletta

E là in fondo, Traguardo, e già, domenica corrono, che è anche una bella corsa, su a Montebello, giù nella Marecchia, Poggio Berni, giù nell´Uso, i Gessi, su alla Cornacchiara, Savignano, di lì tutto dritto, poi la volata, sotto il Comune, e io alla finestra, guardo di qui, che si vede benissimo, guardo sempre di qui, ma delle volte, ecco, mi piacerebbe anche essere laggiù, in mezzo a quella baraonda, con le macchine che suonano, i vigili che corrono, arrivano, indietro! state indietro! comandi, fischi, fare a spintoni, ci siamo, sono qui, numeri, colori, bandiere, allungare il collo, viva, viva, spumante, urli, battere le mani, fare il tifo per qualcuno, scommettere che la prossima volta vincerà.

A n´e´ so

Invìci mè l´è un pó ch´a pràigh, ad nòta, quant a m svégg, ch´a so lè, ch´a n´arcàp sònn, l´è la vciaia? a n´e´ so, l´è la paéura? a pràigh, e u m pèr ´d sintéi, a n´e´ so, cmè ch´a n fóss da par mè, a n´e´ so, cmè che, l´è robi ch´l´è fadéiga, a déggh acsè, mo a n´e´ so gnénch´ s´a i cràid o s´a n´i cràid.

Non lo so

Invece io è un po´ che prego, di notte quando mi sveglio, che sono lì, che non riprendo sonno, è la vecchiaia? non lo so, è la paura? prego, e mi pare di sentire dentro, non lo so, come se non fossi solo, non so, come se, sono cose che è difficile, dico così, ma non so nemmeno se ci credo o non ci credo.

Commenti